Siamo gli specialisti degli impianti NO GAS per le sole ville e case indipendenti.

Infatti AZZERA LE BOLLETTE è il primo pool di professionisti in Italia che si occupa solo ed esclusivamente di progettare ed eseguire impianti no gas per sole Ville o abitazioni indipendenti residenziali.

 Ti garantiamo la perfetta interazione tra “settore termoidraulico” e “settore fotovoltaico”.

Considera che normalmente questi sono settori molto distinti e tendono a non comunicare !!!

Proprio per questo gli installatori tradizionali non hanno nessuna possibilità di garantirti il giusto livello di  integrazione che questo tipo di impianto innovativo necessita.

dove lavoriamo

dove lavoriamo

QUALI SONO I VANTAGGI PER TE ?

Diversamente dall’idraulico di caldaiette o dall azienda strutturata ma non specializzata siamo in grado di TENERTI AL RIPARO DA QUALSIASI RISCHIO  perchè:

  • Potrai usufruire del servizio di progettazione personalizzato che ti mettiamo a disposizione gratuitamente,  per dimensionare correttamente il sistema in base alla tua abitazione.
  • Avrai la garanzia di avere l’ultimo ritrovato della tecnologia di settore, generata dall’esperienza che abbiamo maturato in anni di installazioni e ricerche di mercato.
  • Godrai di un servizio d’installazione impianti selezionato, costituito da nostri tecnici specializzati in sole installazioni di pompe di calore e fotovoltaico residenziale.
  • Ti metteremo a disposizione un servizio gratuito di monitoraggio sistema e visite di controllo annuali per 7 anni, per avere  la certezza che l’ impianto stia lavorando correttamente sgravandoti da ogni tipo responsabilità o intervento.

LA NOSTRA STORIA, COME NASCE IL PROGETTO  “AZZERA LE BOLLETTE….”

Come molte volte accade, le migliori scoperte avvengono per caso….. ed aggiungerei anche …avvengono nel momento propizio.

Fabio Franzoni

Fabio Franzoni

Infatti, anche la partnership e la creazione di questo ambizioso progetto è avvenuta con una dose importante di fatalità ma soprattutto di straordinario tempismo, mi spiego meglio….

Mi chiamo Fabio Franzoni.

Ho 33 anni e opero nel settore termoidraulico da 15 anni.

Essendomi diplomato come tecnico dei sistemi energetici, ho cominciato subito a lavorare nel settore idraulico, prima come dipendente in varie aziende di installazione e progettazione e poi dopo qualche anno, come imprenditore.

Avendo realizzato svariati impianti residenziali tra cui palazzine e ville di pregio, con impianti più o meno tradizionali, ho capito che la strada che più mi appassionava, che mi dava più speranza di risolvere i problemi dei clienti, era quella di specializzarmi e fare esperienza sugli impianti innovativi e nello specifico in quelli no gas a pompa di calore.

Grazie a questa decisione, ho iniziato a studiare  le marche principali in commercio e ho frequentato i corsi di formazione delle aziende giapponesi più famose e blasonate del momento, realizzando numerose  installazioni di impianti a pompa di calore, anche di notevole entità e qualità…  

Ma qualcosa  non mi tornava, queste apparecchiature non garantivano le giuste prestazioni dichiarate sulle carta e soprattutto non rispettavano i consumi stimati dai calcoli dei C.O.P. Con l’aggravante che perdevo ore ed ore a spiegare e rincorrere gli elettricisti o i tecnici improvvisati del fotovoltaico su come dovevano essere cablati questi impianti molto raffinati e delicati da un  punto di vista elettrico e di gestione dell’energia.

A volte senza riuscire ad ottenere risultati convincenti per la mancata collaborazione del mondo elettrico che, come è noto è sottopagato e poco specializzato… Frustrato da questi inconvenienti tecnici e disservizi, ho deciso di approfondire la  nicchia specifica riguardante le pompe di calore sviluppate per il mercato tedesco, durante seminari tecnici e corsi di formazione specifici, ho scoperto che esistevano due categorie ben distinte inerenti a queste pompe di calore, ovvero quelle di serie A e quelle di serie B.

Proprio durante questi seminari, casualmente ho conosciuto l’Ing. Andrea Tozzato 45 anni, attuale socio e pilastro portante del progetto AZZERA LE BOLLETTE, che dalla sua esperienza ventennale in varie S.p.a., con specializzazione in installazioni di impianti fotovoltaici innovativi finalizzati all’ accumulo di energia, stava cercando di approfondire il settore pompe di calore, proprio per far fronte, come me nel caso degli elettricisti, alle grosse lacune tecniche e mentali di gran parte degli idraulici e progettisti termotecnici.

In quel preciso istante è stato chiarissimo che serviva creare una partnership forte e specializzata per risolvere i problemi naturali a cui questo settore ben specifico e ben delineato andava incontrando.

Grazie a questa sinergia unica e ineguagliabile, riusciamo a servire in modo efficace e professionale, una specifica nicchia di clientela selezionata e determinata a voler raggiungere risultati di altissimo livello.

Andrea Tozzato

Andrea Tozzato

Mi chiamo Andrea Tozzato. Sono un ingegnere elettronico che per oltre 16 anni ha progettato impianti per la telefonia fissa e mobile per Telecom, WIND e TIM e ha lavorato per aziende come Sirti SpA, Valtellina SpA e T.F.M. SpA.

Da 7 anni mi occupo esclusivamente di installazione e sviluppo di impianti fotovoltaici innovativi finalizzati alla produzione e all’accumulo di energia elettrica.

Nel 2010 ho conosciuto Fabio.

Entrambi cercavamo di completare la nostra offerta e formazione nell’ambito elettrico o termo-idraulico.

Facevamo veramente fatica a realizzare impianti completi e perfettamente integrati tra produzione fotovoltaica e corretto uso delle pompe di calore e accumuli termici.

Abbiamo effettuato molte prove e misure sul campo, direttamente su impianti nuovi o esistenti, preoccupandoci delle tarature delle apparecchiature e della programmazione delle parti elettroniche.

Siamo stati anche coadiuvati da importanti case costruttrici che con il loro rapporto diretto ci hanno permesso di sviluppare sistemi integrati rivoluzionari.

Ora sono veramente soddisfatto, dato che siamo in grado di fornire chiavi in mano sistemi NO GAS con la massima garanzia di prestazioni e sicurezza di funzionamento.

 

 

33 Comments

  • cozzi bruno

    Reply Reply 18 aprile 2016

    buongiorno , ho una abitazione di campagna “nuova” a Magliano in Toscana con riscaldamento a pavimento ,isolamento termico, pompa di calore , piscina , aria condizionata , induzione ecc ecc nata e predisposta per una autoproduzione parziale di corrente . Sto considerando un impianto di pannelli sul tetto di un annesso o a 1 0 2 Smartflowers. Siete voi disponibili anche in questa zona(Grosseto) ??? potete darmi delle informazioni ??
    Bruno Cozzi
    3334020185

    • Fabio

      Reply Reply 18 aprile 2016

      ciao bruno, venire a installare a grosseto non è un problema, inoltre domani installeremo la prima batteria tesla powerwall a bergamo, quindi sarà un piacere valutare la perfetta soluzione per la tua situazione.

    • Paolo Zuppella

      Reply Reply 26 settembre 2017

      Vivo a L’Aquila e sarei interessato ai vostri prodotti in particolare allo Smartflowet che si affiancherebbe ad un impianto geotermico
      Vorrei mettervi in contatto con lo studio che cura gli aspetti energetico di questo mio nuovo insediamento
      Come posso fare?
      Gradirei in nostro riscontro
      Vi ringrazio

      • Fabio

        Reply Reply 26 settembre 2017

        Buongiorno Paolo, per l’Abruzzo non siamo operativi, La ringrazio per la gentile richiesta ma dovrebbe scrivere direttamente al sito della smartflower italia per farsi segnalare l’installatore di competenza territoriale.

  • Leonardo Laurito

    Reply Reply 23 ottobre 2016

    Salve Fabio vorrei chiederti un consiglio, ho intenzione di installare un impianto di riscaldamento pavimento con pompa di calore caldo freddo. Mi domandavo quali sono le marche di pompe che mi potresti consigliare la casa è di 150 metri. Grazie

    • Fabio

      Reply Reply 23 ottobre 2016

      Ciao leonardo, io ti posso anche dire quali sono le marche decenti e affidabili, l ho scritto ad esempio in una risposta kilometrica che ho dato ieri ad un mezzo idraulico/termotecnico che mi contestava alcuni spunti dei miei articoli.
      te le ripeto: OCHSNER,KRONOTERM,IDM,ALPHA INNOTEC;ELCO…tutto il resto è cacca pupu…ma la cosa che devi sapere è che non basta trovare un prodotto buono se poi chi te lo vende, installa e mantiene nel tempo non è all’altezza…avrai forse piu problemi di quelle cinesi.

      la mia azienda nasce proprio per coprire questa lacuna perche ci occupiamo di progettare installare e fare manutenzione specificatamente per una di queste aziende, in cui abbiamo il supporto diretto della casa madre..noi garantiamo i sistemi 7 anni con formula kasko e offriamo il soddisfatto o rimborsato in caso di insoddisfazione del cliente.

      neanche se prenderai la ochsner troverai queste condizioni…

  • angelica greggio

    Reply Reply 24 ottobre 2016

    Buonasera Fabio, devo ristrutturare un negozio di 23 m.quadri; data l’impossibilita’ di installare una caldaia a gas x mancanza scarico fumi, ho optato per un riscaldamento a battiscopa radiante ad acqua. Il locale necessita di temperatura intorno ai 25-26 gradi, acqua calda sanitaria x docce saltuarie e raffrescamento estivo.
    Escludo i termoconvettori che per esperienza non soddisfano le esigenze di un calore costante, diffuso ed uniforme.
    Pensavo ad una pompa di calore inverter di piccole dimensioni.
    Cosa mi può consigliare?
    Grazie
    Angelica

    • Fabio

      Reply Reply 26 ottobre 2016

      ciao angelica, siamo gli specialisti delle termopompe professionali on off per ville a bolletta zero, un negozio di 25 mq è completamente fuori target, è espressamente scritto nelle voci di menu del blog

      mi dispaice

  • Gianni

    Reply Reply 3 dicembre 2016

    Salve Fabio.
    Vorrei dividere un alloggio in provincia di Torino di circa 150 mt in villetta singola su unico piano, in due alloggi più piccoli. Sul primo mi piacerebbe realizzare un impianto, no gas, come da voi descritto sul sito, PDC più Fotovoltaico con riscaldamento a pavimento radiale. Il secondo alloggio, da realizzare in economia, vorrei installare un impianto classico a termosifoni in alluminio, per non rifare i pavimenti. La mia domando e la seguente, è possibile unire i due impianti che lavorano a temperature di esercizio differenti, cosa ne pensa di sostituire i termosifoni in alluminio con dei pannelli radianti da parete, sempre considerando che fra una decina di anni dovrò ristrutturazione completamente anche il secondo alloggio?
    La ringrazio e attendo una sua risposta

    • Fabio

      Reply Reply 4 dicembre 2016

      Ciao Gianni, la tua domanda è molto chiara.
      La risposta è si, possiamo gestire due temperature differenti con la stessa pompa di calore, la centralina base nelle termopompe professionali ad alta temperatura come ochsner e kronoterm, prevede sempre un circuito diretto(alta temperatura) e un circuito miscelato(media o bassa temperatura).

      la miglior soluzione è sempre tenere un unica pdc per entrambi gli appartamenti, in modo da ottimizzare i costi e compattare gli ingombri.

      per la soluzione del radiante a parete, se l’idea è quella di rimaneggiare il secondo alloggio, sarebbe un peccato dover buttare un sistema radiante cosi costoso, ti consiglio di mettere dei fan coil di ultima generazione e lavorare a media temperatura, avrai il,vantaggio di fare se vorrai anche la climatizzazione.

      se vuoi approfondire scrivimi…ti ricontatterò privatamente non appena possibile, a torino abbiamo una decina di impianti funzionanti anche a 1000mt di quota, sarà un piacere portarti a vedere un impianto funzionante e farti parlare con il cliente.

  • Gianni

    Reply Reply 7 dicembre 2016

    Ciao Fabio,contattami pure, sarò felice di accettare l’invito, i lavori dovranno iniziare nel 2017, presumo in estate.
    Ti ringrazio per la risposta è attendo una tua mail
    Ti saluto e ti ringrazio
    Gianni

    • Fabio

      Reply Reply 10 dicembre 2016

      Ok grazie a te Gianni.

  • Marco

    Reply Reply 24 gennaio 2017

    Salve , ad agosto 2016 mi hanno istallato un impianto fotovoltaico da 6kw e ad oggi ( 24 gennaio 2017 ) il display mi segnala una produzione di 1681 kwh . Abitiamo in romagna ed i pannelli sono stati montati sopra ad una tettoia sempre al sole .

    in casa abbiamo un impianto di riscaldamento sia al piano terra che al piano superiore per un totale di circa 200 metri quadri + lavastovoglie , lavatrice , asciugatrice e tutta l’illuminazione interna ed esterna è di tecmologia led basso consumo

    a mio parere però i consumi mi sembrano un po’ alti dato che ho anche lo scambio sul posto con GSE al quale teoricamente dovrei anche vendere corrente e mi dovrebbe scalare il consumo tramite il contatore bidirezionale .

    dal 30 nov al 31 dic il consumo è stato di circa 2000kwh
    dall 1gen ad oggi 24 gennaio il consumo è stato di 1390kwh

    i kwh prodotti dall’1 al 24 gen dal fotovoltaico sarebbero poco 230 .

    grazie

    • Fabio

      Reply Reply 26 gennaio 2017

      Ciao Marco, la produzione che mi hai descritto è troppo deficitaria, 1681kwh sono veramente proccupanti, forse ti hanno montato un inverter abb o sma che non ha tecnologia moderna con ottimizzatori come la solar edge, non so dove sei precisamente in emilia, considera che abbiamo una filiale a faenza e in romagna abbiamo decine di impianti.

      per farti un esempio un 6kw a Imola quest’anno ha fatto AGOSTO 981KWH, SETT 759KWH, OTT 412KWH, NOV 240 KWH, DIC 203KWH, GENN 337KWH. TOTALE 2932KWH
      Reggio Emilia AGOSTO 957, SETT 753, OTT 395, NOV 163, DIC 153, GENN 298 TOTALE 2719KWH

      la differenza è troppo elevata, quindi comincia a capire perchè il tuo fv non rende

      Con lo scambio sul posto tu non vendi corrente a nessuno, semplicemente quello che immetti in rete mentre non autoconsumi ti viene rimborsato in una percentuale vicina al 70% della stessa quantità di corrente che hai prelevato dalla rete durante la notte o in inverno, quindi è un meccanismo molto conveniente che vanifica l’installazione di qualsivoglia batteria attualmente troppo costosa e di giovane tecnologia, se poi riesci a produrre piu di quello che in un intero anno la tua casa riesce a consumare, allora va in tariffa vendita, che è tutelata dal garante dell’energia e nel 2016 era fissata a 0,039cent/kwh.

      Ad ogni modo se non hai una pompa di calore e i consumi che mi hai elencato sono solo utenze domestiche, hai veramente delle botte assurde di prelievo sul quale dovresti indagare per bene.

  • Alessia Buttarini

    Reply Reply 19 febbraio 2017

    Salve, vorrei avere un consiglio sulla ristrutturazione di una abitazione indipendente.. 110 mq + 60 mq di mansarda…mettendo un riscaldamento a pavimento e un piano ad induzione…quale tipo di caldaia e che tipo di pannelli potrei istallare per abbattere il costo delle bollette… e staccarmi da quella del gas?? grazie per l ‘attenzione

    • Fabio

      Reply Reply 19 febbraio 2017

      Ciao Alessia, avrei bisogno di sapere in che zona d’italia sei.

      L’unico sistema che ti garantirà di abbattere i costi delle bollette è termopompa professionale in abbinamento a fotovoltaico di ultima generazione.

      il dimensionamento deve essere fatto in modo accurato e personalizzato, solo dopo possiamo parlare di prezzi.

      a breve apriremo il modulo richieste nella sezione contatti del blog, e compilando tutti i dati richiesti potremo riservarti una progettazione su misura.

      Fabio

  • Marco

    Reply Reply 28 febbraio 2017

    Salve e complimenti.Quale la migliore installazione per ristrutturazione energetica di una villa d’epoca con una superficie utile di circa 350 mq? Preciso che l’impianto è indipendente per i due piani.

    Grazie

    • Fabio

      Reply Reply 28 febbraio 2017

      Ciao Marco, avrei bisogno di più informazioni per darti almeno un parere professionale, se come immagino esiste già un impianto di riscaldamento a radiatori un ottima soluzione è senz’altro termopompa professionale in alta temperatura garantita 7 anni in abbinamento a fotovoltaico di ultima generazione.

      di seguito ti dò il link di questa realizzazione che si presta facilmente al tuo contesto, chiaramente le potenze in gioco saranno diverse ma il concetto rimane valido.https://www.azzeralebollette.com/ecco-come-il-sig-francesco-ha-risparmiato-il-60-con-una-pompa-di-calore/
      se poi hai bisogno di chiarimenti non esitare a contattarmi, mi puoi scrivere alla mail info@azzeralebollette.com e dopo essere stato verificato dal mio staff ti richiamerò io.

      Fabio

  • marco

    Reply Reply 22 settembre 2017

    Buona sera .
    Una casa nuova in bio edilizia di circa 180mq , vorrei fare riscaldamento raffrescamento con PDC via aria canalizzata .
    La casa sarà a Padova , è da scartare come idea ?

    • Fabio

      Reply Reply 25 settembre 2017

      Ciao Marco, non è assolutamente da scartare l’idea, anzi, nelle case molto isolate è un ottima soluzione, bisogna però fare molta attenzione a questi sistemi perchè sono molto delicati da dimensionare e installare, se si sbaglia il comfort domestico diventa insostenibile.

      Se vuoi maggiori approfondimenti, non esitare a contattarci, a vicenza abbiamo una filiale.

      Fabio

  • Marco F.

    Reply Reply 8 ottobre 2017

    Ciao Fabio,

    io sto comprando una casa da ristrutturare, e vorrei installare i pannelli Tesla che fanno sia da tetto che da pannelli.
    voi li installate?
    inoltre fate anche interventi di rifacimenti tetti ?
    io vorrei inoltre installare, sempre tesla, la powerunit di batterie per l’accumulo di corrente, ed avrei bisogno di vedere per un riscaldamento a pavimento.
    voi potete trattare anche il prodotto tesla?

    • Fabio

      Reply Reply 12 ottobre 2017

      Ciao Marco, le tegole tesla non le trattiamo, non siamo affini alle trovate commerciali che non hanno riscontri tecnici garantiti, sia in termini di costo che di produzione e affidabilità. Stesso discorso per le batterie (tesla e tutte le altre marche) non permettiamo che un nostro cliente acquisti oggi una batteria che costa 8.000 da 13kw, quando tra 18-24 mesi una 50 kw di ultima generazione costerà 6.000€ circa.

      noi siamo specializzati in impiati meccanici tecnologici no gas certificati per ville, niente tetti, niente che non sia attinente alla nostra specializzazione dove rilasciamo garanzie altissime.

  • mauro coletta

    Reply Reply 29 ottobre 2017

    buonasera, mi chiamo coletta mauro, ho ristutturato una vecchia casa degli anni 70′ installando gli ultimi accorgimenti in fatto di climatizzazione, che comprendono: riscaldamento a pavimento, accumulatore da 1200 Lt, fotovoltaico da 5,25 kw, solare termico, una piccola caldaia di emergenza e una pompa di calore panasonic da 13 kw di potenza.
    risiedo in questa casa da 4 anni ed ho riscontrato i problemi descitti da voi per quanto riguarda la pompa di calore, nello specifico per quanto riguarda il funzionamento del macchinario con temperature esterne al di sotto dei 3 gradi. non riesce a scaldare l’acqua fino a 35 gradi nelle prime 5 ore di funzionamento, di conseguenza la casa non si scalda prima delle 4 del pomeriggio dalla mattina alle 8.
    ho scelto questa PDC perchè mi era stato assicurato che di questa potenza non esisevano in commercio a 230v.
    esistono tra le marche europee pdc di questa potenza con un alimentazione a 230v?
    e volevo sapere se siete disponibili solo per un consulto tecnico ( retribuito ovviamente) per migliorare la mia situazione o indirizzarmi sulle variazioni da fare per rendere efficiente al massimo il mio impianto.
    grazie.

    • Fabio

      Reply Reply 1 novembre 2017

      ciao Mauro capisco perfettamente la tua situazione e posso anche aiutarti a risolverla, innanzitutto ti rispondo che abbiamo una termopompa professionale che puo lavorare a 230v su quella potenza, è una modifica che ci fanno specificatamente per l’italia, senza precludere i rendimenti ottimali.Quelle macchine inverter panasonic sono idonee a fare climatizzazione estiva, ti avviso già che probabilmente sarà da sostituire.
      ti scrivo in privato e vediamo se con una chiacchierata posso cominciare ad analizzare la situazione.

      fabio

      • Henriot Anne

        Reply Reply 7 novembre 2017

        Buongiorno,
        Disperata, sto cercando una risposta al mio problema
        Non si parla mai del rumore della pompa di calore
        Si è molto bello risparmiare energia
        Ma quando sei il vicino (come me) e che ti trovi un enorme ventilatore a pochi metri del tuo giardino e puntato direttamente verso le tue stanze da letto, trovi la cosa molto meno gradevole
        Ansi è un incubo, la mia domanda è : non cè nessuna norma che prevede la tranquillità dei vicini, chi ci tutela,
        Per favore ho veramente bisogno di sapere se ho qualche possibilità di obbligare mio vicino a spostare questa maledetta pompa di calore
        Grazie in anticipo

        • Fabio

          Reply Reply 7 novembre 2017

          Capisco, molto spesso gli idraulici improvvisati che propongono e montano questi sistemi non hanno nessuna competenza in merito e causano danni alla libertà altrui, nel tuo caso infastidendoti con i rumori molesti dell’unità esterna.
          Ad ogni modo mi piacerebbe sapere che marca e modello è l’apparecchiatura che ti sta causando questi disagi, sicuramente è una macchina inverter di derivazione orientale, queste macchine fanno molto rumore e lavorano ad alte frequenze, se fosse stata una termopompa professionale non avvertiresti nessun rumore in quanto lavorano a basse frequenze e non superano i 45db a 3 mt.

          per risponderti ti confermo che ci sono leggi che tutelano l’inquinamento acustico, ma devi dimostrare a spese tue con misurazioni fonometriche di tecnico abilitato che i db superano quelli ammessi.

          ti consiglio di agire prima con il buon senso e avvisare con raccomandata i vicini che stai vivendo dei disagi e in caso di menefreghismo procederai per vie tecnico/legali.

          fabio

  • Giuseppe

    Reply Reply 7 novembre 2017

    Salve, volevo chiederti se in una villetta in provincia di Vicenza con n. 4 residenti, caldaia recente a condensazione, c’è convenienza ad installare fotovoltaico e pompa di calore e se il fotovoltaico senza pompa di calore sia preferibile un impianto da 3 o 6 Kwh. Grazie Pino

    • Fabio

      Reply Reply 7 novembre 2017

      Ciao Giuseppe i dati che fornisci sono insufficienti a fare una valutazione professionale, generalmente l’abbinamento pompa di calore con fotovoltaico non è paragonabile ad un sistema a gas, il no gas è nettamente superiore per durata, risparmio e affidabilità. se vuoi solo risparmiare serve capire cosa consumi oggi di gas e luce, quanti mq è la casa e anno di costruzione.

  • Mari

    Reply Reply 9 novembre 2017

    Buongiorno Fabio, ho acquistato a maggio un appartamento di 100 mq piano terra con giardino in provincia di Milano. La classe energetica è A per i piani terra e A+ per i piani superiori, palazzina di 11 appartamenti. Vorrei sapere se è normale avere una caldaia centralizzata con gestione autonoma e pompa di calore non abbinata a fotovoltaico ( a quanto pare non c’era spazio sul tetto )…I caloriferi non sono mai belli caldi ma tiepidi e infatti le pompe vanno sempre in blocco….acqua calda assente. Secondo il tecnico daikin ( incompetente ) c’è una perdita e dice che dovremo affrontare una spese di 4/5 mila euro per sistemare….sottolineo che siamo 5 appartamenti abitati su 11 e già abbiamo questi problemi! Mi puoi aiutare?

    • Fabio

      Reply Reply 9 novembre 2017

      Ciao, purtroppo capisco bene i problemi che stai avendo con queste macchine daikin rotex, purtroppo ci sono passato anch io più di 7 anni fà quando entusiasta mi ero fidato di queste aziende blasonate…in realtà di sistemi di riscaldamento non capiscono niente e buttano sul mercato climatizzatori modificati trasformati in pompa di calore.

      i problemi che stai avendo sono l’inizio di un lungo calvario che peggiorerà sempre di più…

      il problema vero non è dovuto all’assenza del fotovoltaico(certamente potrebbe aiutare), ma alla concezione sbagliata di scelta macchine e realizzazione impianto, la situazione centralizzata è la migliore in assoluto a livello di consumi, anche senza fotovoltaico.

      Per poter valutare una risoluzione dei problemi dovrei venire a dare un occhiata..

      Fammi sapere, se posso una mano te la do volentieri.

      Fabio

  • andrea

    Reply Reply 12 novembre 2017

    Ciao Fabio
    volevo avere un tuo consiglio in merito ad una ristrutturazione energetica.
    Di seguito trovi le caratteristiche di partenza:
    – Villa unifiamiliare fine anni 60
    – Intercapedine dei muri di circa 10 cm ma senza coibentazione
    – Tetto isolato
    – Infissi con doppi vetri
    – Boderus a basamento logamax plus 35Kw anno 2007, no condensazione
    – Manutenzione annua circa 130 Euro
    – Termosifoni in acciaio
    – Consumo annuo circa 2000L per riscaldamento e ACS
    – Latitudine: Belgio
    – Eventuali pannelli fotovoltaci o solari andrebbero installati nel tetto del garage distante 5 m dal locale caldaia
    – Garage esposto a Sud dimensioni 8 metri per 3.5

    Considerando il possibile aumento del costo del gasolio e del tempo di vita della caldaia sto valutando come riprogettare l’impianto energetico della
    casa.
    Grazie
    Andrea

  • andrea

    Reply Reply 12 novembre 2017

    Ciao Fabio
    dimenticavo i metriquadri, il vecchio certificato di energia, prima che fosse isolato il tetto e sostituiti gli infissi diceva 545 kwh/m2 con volume 534 m3 e 190 m2q.

    Grazie
    andrea

    • Fabio

      Reply Reply 12 novembre 2017

      ok, su quelle latitudini hai bisogno di una termopompa alta temperatura monoblocco doppio compressore, la potenza che devi avere garantita a -7 gradi esterni è 15kw.
      il doppio compressore serve a non essere sovradimensionato nelle mezze stagioni, abbiamo una termopompa tedesca che potrebbe fare al caso tuo, peccato per i mq risicati del tetto per il fotovoltaico, ci stanno a malapena 6kw di fv con pannelli da 330w

Leave A Response

* Denotes Required Field